Disposti a perdere tutto per ricominciare

Ci sono momenti nella vita politica dei collettivi auto-organizzati in cui non è più possibile stare fermi. Ci sono momenti in cui bisogna prendere il coraggio a due mani, fare i conti con la propria storia e le proprie certezze e agire delle scelte, per quanto dolorose. Scriviamo questo documento per comunicare ai compagni e le compagne che in questi anni abbiamo incontrato nelle tortuose e complesse strade del conflitto che da oggi il BiosLab non sarà più un soggetto politico organico, ma si trasformerà radicalmente, dando priorità all'autonomia e all'autodeterminazione dei molti progetti che in questi anni hanno fatto vivere gli spazi occupati di Via Brigata Padova 5-7-9.
Continue reading

18.02 – San PatriziA QUEER NIGHT // RYF live + TrashGender NIGHT

san patrizia queer night biosdalle 17.00 Workshop di harness / dalle 21.30 live + djset - Gli stravizi delle celebrazioni irlandesi ti hanno annoiato? Trovi stucchevoli quadrifogli e capelli verdi? Le birre sgasate ti hanno gonfiato fin troppo? Allora c'è una favolosa San Patrizia in arrivo a Padova e aspetta solo te! Continue reading

Padova – Froce sì, ma non serve del PD – Contestata la Cirinnà

moltopiudicirinna_160312In tante e tanti ieri 12 marzo ci siamo ritrovat* sotto le eleganti sale dell’ex Fornace Carotta, per riservare una favolosa accoglienza a Monica Cirinnà e alla corte dei dirigenti e adepti del Partito Democratico padovano. Questi infatti ritenevano di celebrare indisturbati la vittoria, su un red carpet nel quale l’insofferenza, l’insoddisfazione, la rabbia delle migliaia di persone che il ddl ha tralasciato e offeso potesse essere silenziata come nulla fosse. Un’iniziativa autocelebrativa in cui le voci critiche del movimento LGBTQI non sono nemmeno state interpellate. Quelle persone invece esistono e hanno deciso di assediare rumorosamente la celebrazione di una falsa vittoria, il raggiungimento di un “traguardo” che non puó passare sui nostri corpi. Continue reading

Padova – 1 marzo – Oltre 300 in piazza contro confini e precarizzazione!

1 marzo img1Ieri 1 marzo, giornata di mobilitazione contro confini e precarizzazione promossa dalla Transnational Social Strike Platform migliaia di perone sono scese in piazza in moltissime città d’Europa. A Padova, la giornata si è articolata in due momenti. Nel pomeriggio un incontro di autoformazione all'università che a partire dai fatti di capodanno a Colonia ha permesso di mettere in luce il nesso tra razzismo e sessismo, utilizzato nel discorso pubblico per inferiorizzare e demonizzare i migranti provenienti da paesi a maggioranza musulmana, nonché per alimentare l'islamofobia e giustificare le guerre e i respingimenti dei/lle migranti. Continue reading

02.03 – DENTRO LA GUERRA / LA GUERRA DENTRO – Confini, Conflitti e Resistenze alle porte d’Europa

2marzoh 17.30 @ aula B1 Ca' Borin, via del santo, 24 - Nel percorso di mobilitazione attorno alla giornata europea del 1 marzo che vedrà il suo culmine nella manifestazione regionale di sabato 5, invitiamo tutti e tutte a partecipare ad un momento di approfondimento che sappia rimettere al centro dei nostri percorsi il tema della guerra, per immaginare assieme quali iniziative mettere in campo per porre fine ad ogni intervento militare. Continue reading

05.03 – Padova – Manifestazione regionale per i diritti di tutt*!

manif 5 marzo diritti webIl 5 marzo è convocato un corteo regionale per dare visibilità e condensare la specificità di ogni lotta in piedi nei nostri territori, tenendo assieme le parole d’ordine della dignità sul lavoro, del reddito, dell’antirazzismo, contro guerre e devastazione, per l'ambiente ed uno sviluppo sostenibile e contro la criminalizzazione delle lotte sociali. A partire dai blocchi e dagli scioperi dei facchini del Prix e dalla determinazione della lotta delle lavoratrici della Nek di Monselice, in questo corteo si vuole dare centralità alla richiesta di un welfare che liberi dalla schiavitù del lavoro e dalla povertà, ossia dalla condizione universale di precarietà che riguarda, a modo loro, dai migranti agli italiani. Contro la guerra, i bombardamenti ed un sistema che produce milioni di profughi, ula situazione bellica attuale alle porte dell’Europa, con tutte le ricadute all’interno del nostro continente. Continue reading