Assemblea Nazionale verso un #1M2015 NoExpo

expoRipubblichiamo l'appello delle compagne e dei compagni della rete Attitudine NoExpo: A pochi mesi dall’inizio di Expo2015, questioni che vengono da lontano portano i nodi al pettine. Il  percorso NoExpo iniziato nel 2007, ben prima dell’assegnazione  dell’esposizione universale a Milano,  ha accolto negli anni una pluralità di soggetti e affermato un o pensiero critico rispetto alle logiche e ai processi imposti dai megaeventi e dalle grandi opere al tessuto sociale e urbano della città. E’ venuto il momento di scioglierle i nodi e chiedere conto di quanto denunciamo da allora. Continue reading

PILLOLE DI DESIDERIO all’ora dell’aperitivo

manipillole_webAbbiamo chiamato il consultorio autogestito di nuova generazione “Queersultoria”, ma cosa significa queer? E in che modo si può vivere una vita queer? Vogliamo cominciare il cammino dentro questo spazio di autodeterminazione e desiderio condividendo le basi teoriche e costruendo insieme le pratiche per poter dare corpo allo slogan “io decido”. Per affrontare queste tematiche, molto articolate, ci interessa costruire momenti di confronto a partire da noi dialogando con chi da anni si occupa di queer, desiderio, sessualità e relazioni in aperitivi desideranti che ci permettano uno scambio diretto a partire proprio dalle esperienze soggettive.

Continue reading

30.05 – Riprendiamoci la tecnoscienza: la sovversione di media e tecnologie

apicomputerLa nostra esperienza quotidiana, così come le nostre esperienze politiche, sono mediate in misura crescente da un insieme di dispositivi tecnologici (smartphone, tablet, social network e cosi via) che stanno trasformando identità, processi di soggettivazione e relazioni sociali. In questo senso, le tecnologie non determinano in modo lineare valori e corsi d’azione, ma possono essere “forzate”, “sovvertire” e “trasformate” dal basso, così da diventare preziosi strumenti di resistenza e di comunicazione politica.
Parleremo di questi temi durante l’ultimo incontro del ciclo di autoformazione “Tecnoscienza e neoliberalismo: biocapitale, soggettività e bio-resistenze”

 

Continue reading

27.05 – Soggettività sopite. Meccanismi di assoggettamento e vie d’uscita

dormienti2Nel secondo appuntamento del ciclo di seminari “Stato di precarietà permanente. Il lavoro, le soggettività, le lotte” ci proponiamo di analizzare la soggettività contemporanea. Vogliamo individuare chi sono i soggetti precari oggi, a quale patrimonio di emozioni afferiscono nel vivere la loro esistenza e qual è il loro livello di comprensione dei rapporti di forza che dominano la realtà in cui vivono. Obiettivo dell'analisi non è semplicemente quello di restituire una fotografia della situazione attuale. Ci interessa capire come agiscono i dispositivi di cui il capitalismo contemporaneo si serve nell'incessante processo di messa a valore della vita, per individuare possibili vie di fuga e traiettorie di lotta in grado di attivare nuovi processi di soggettivazione e ricomposizione, necessari per rivoluzionare le vite dei soggetti e la società in cui vivono.

faremo questo a partire dai contributi di:
Giso Amendola (Euronomade)
Emanuele Leonardi (Università di Bergamo)

l'incontro si terrà alle 18:00 @BiosLab (via Brigata Padova 5, 7, 9)

23.05 – Partecipazione politica e conflitti in rete: il caso del #15M in Spagna

IndignadosDurante questo terzo incontro del ciclo di autoformazione Tecnoscienza e neoliberalismo: biocapitale, soggettività e bio-resistenze discuteremo con Raul Sanchez Cedillo di un tema di assoluta rilevanza nel quadro del bio-capitalismo contemporaneo, riguardante la relazione fra usi della rete, social network e movimenti sociali. Più precisamente, durante questo seminario approfondiremo l'esperienza del movimento 15M in Spagna, soffermandoci sul ruolo centrale che la rete ha avuto come strumento in supporto all'organizzazione del conflitto nelle piazze spagnole.
Prendendo le mosse da questo dibattito, cercheremo poi di capire in che misura e attraverso quali pratiche la rete e i social network possono rivelarsi dispositivie strumenti capaci di supportare il conflitto e se, allo stesso tempo, i movimenti sociali possano trasformare la rete in uno spazio potenzialmente generativo di esperienze conflittuali.

ne parleremo con:
Raùl Sànchez Cedillo (Universidad Nomada)

l'incontro si terrà alle 18:30 @BiosLab (via Brigata Padova 5, 7, 9)