13.05 – Tiny Barrels // Irish folk

tinybarrelsI Tiny Barrels sono un trio acustico formatosi a Padova nel 2014, che propone e reinterpreta brani tradizionali del repertorio folk irlandese.

La formazione è composta da Marco Palma (voce, violino, mandolino, chitarra), Jacopo Ranzato (flauto traverso, tin whistle, ottavino) e Giacomo De Checchi (chitarra e armonica).

I Barrels hanno all'attivo già numerosi concerti nell'area di Padova, e spaziano tra un vasto numero di pezzi sia strumentali che cantati: prendetevi una birra e ascoltateli, o fatevi i fatti vostri, l'importante è che stiate a portata d'orecchio, e il ritmo farà il resto.

Tiny Barrels su facebook

dalle ore 21.00 @BiosLab (via Brigata Padova 5, 7, 9)

22.04 – “The Stalking Flowers”

stalkingflowersIl trio The Stalking Flowers rielabora in tante salse, anche elettroniche, tutte da ballare!, un coagulo di canzoni composte da Fede Fik (chitarra acustica ed elettrica, voce, effetti) a Berlino nell'estate 2013, classici del rock/blues/jazz e brani estemporanei improvvisati al momento. Comprende Pietro Sconza (contrabbasso, basso elettrico, effetti) e Amedeo Schiavon (batteria, synth). I membri della band sono di Padova, a fine serata invitano i musicanti a fare jam session!

La band sta lavorando sull'arrangiamento dell'album O Meu Carnaval, composto da 10 tracce d'ispirazione rockabilly, rock, swing, blues, samba, tra cui le 3 canzoni At The Station, Lovin' Everybody e Pissing Around che potete ascoltare in anteprima qui: www.soundcloud.com/thestalkingflowers

Continue reading

15.04 – Africa Gnawa // musiche dal Marocco – Workshop + live

africagnawaAfrica Gnawa è un progetto che nasce a Roma intorno al musicista Abderrazzak Telmi, originario di Marrakesh. I canti e i ritmi proposti immergono il pubblico nel complesso mondo culturale e musicale della tradizione gnawa ma diventano allo stesso tempo opportunità per creare sintesi, dialoghi, con gli altri universi musicali del Mediterraneo.

Gnawa è il termine con il quale si designa attualmente un gruppo etnico presente in Marocco discendente dagli antichi schiavi deportati dall’Africa Subsahariana. La musica, intrisa di elementi religiosi animisti e islamici, viene utilizzata, durante cerimonie che durano una notte intera (lila), per indurre in stati di trance con lo scopo di ricreare un canale di comunicazione tra l’energia individuale dell’essere umano e l’energia creatrice divina. Gli strumenti utilizzati sono guimbri (sorta di basso con tre corde), voce, tbola (tamburo a doppia membrana), mani e qraqeb (crotali di ferro). Continue reading

08.04 – Satoyama

satoyama1Luca Benedetto: Tromba Christian Russano: Chitarra Marco Bellafiore: Basso, Contrabbasso Gabriele Luttino: Batteria

" La musica è la lingua dello spirito. La sua segreta corrente vibra tra il cuore di colui che canta e l'anima di colui che ascolta." Kahlil Gibran

Satoyama nasce nell' Agosto del 2012 dall'incontro e dall'esperienza di quattro musicisti provenienti da generi diversi. Luca e Christian fortemente infulenzati dalla musica Africana e Orientale, dal jazz nordico e dalle sonorità più siderali. Si focalizzano su paesaggi sonori alla ricerca di nuove sonorità tramite l'utilizzo di effettistica e tecniche non convenzionali. Marco e Gabriele sono provenienti da un filone più rock. Il primo con orecchie ben attente a bassisti e contrabbassisti della scena jazz contemporanea. Il secondo interessato anche alla musica classica contemporanea.

Continue reading