Alcune riflessioni sull’esperienza della #OpenBordersCaravan

profughi_sirianiSabato 26 settembre, insieme a tante e tanti provenienti non solo dall’Italia, ma anche dalla Svizzera, Germania, Slovenia e Croazia, abbiamo partecipato alla #OpenBordersCaravan, una carovana europea in sostegno ai migranti che si stanno muovendo lungo la rotta dei Balcani per raggiungere l’Europa, e rivendicare libertà di movimento e apertura di tutte le frontiere.

La carovana ha avuto il suo principale momento organizzativo Sabato mattina, quando circa 200 persone si sono riunite in assemblea al centro sociale Rog di Lubiana, e hanno deciso di partire alla volta di Botovo, un paese al confine tra Croazia e Ungheria. A Botovo, ogni giorno migliaia di migranti provenienti principalmente dalla Siria -dopo aver percorso parte dei Balcani in treno- vengono fatti scendere e costretti a percorrere alcuni chilometri a piedi in mezzo ai boschi fino a Gola, dove si trova un varco fra le recinzioni erette dal governo xenofobo di Orban. Continue reading